opera italiana

La Fiat fece il lavoro e elettrizzò la leggendaria 500, ma fu la troupe cinematografica della Mini a essere scelta per le spettacolari scene di guida nel nord Italia in “The Italian Job” del 1969 e nel sequel 34 anni dopo.

Pubblicato per la prima volta in Rivista BilAutofil numero 2-2021.

Molti ricordano il folle inseguimento in macchina in “The Italian Job” dove i cattivi se la cavano con il bottino in tre Mini. Ma con la polizia e la mafia alle calcagna, portare a termine il colpo di stato si è rivelato un gioco da ragazzi rispetto a farla franca.

Il seguito del 2003 gioca anche sulle qualità della Mini come macchina motrice.

Per quanto pazze siano le scene di guida nel nord Italia, le cose non vanno bene per le strade del Waldemar Thrane di Oslo in una giornata acida di febbraio. Certo, c’è qualcosa di italiano nell’intensità del traffico nelle strade che scendono verso Alexander Kielland Square, ma il nostro scopo nel fermarci davanti alla pizzeria dal nome mutuato dai film non è altro che usurpare l’immagine di copertina di questo duello, in cui la nuovissima 500 elettrica di Fiat saluta la Cooper S altrettanto elettrica della Mini con una E in più allegata al nome per distinguerla dai suoi fratelli fossili.

Se non fosse per il fatto che le lettere sui cartelli rivelano elettrificazione, sarebbe difficile vedere da lontano che si tratta di un trasporto passeggeri sovvenzionato dallo stato nella classe urbana.

LUNGA STORIA
Ora il team di prova non pensa che si possa guidare lontano con le due zampette, che nei circa 60 anni dal primo lancio (dal 1957 per Fiat e dal 1959 per Mini) ha tutte le direzioni e sono tutt’altro che così piccole , ma hanno ancora qualcosa di urbano, immaginate una vita di persone di fretta che, dopo vari compiti, si prendono una pausa in una piacevole terrazza di un caffè o in un’istituzione culturale adattata.

Per entrambi i produttori, si tratta di soddisfare le richieste degli utenti di viaggiare nel modo più ecologico possibile e, all’estremo opposto della scala, soddisfare i requisiti climatici dell’UE e trattare con i burocrati dell’UE. L’UE che è pronta con il riso a rapire coloro che non lo fanno soddisfare il fabbisogno medio della flotta di 95 grammi di CO2 per km percorso.

La Mini è stata la prima a rilasciare versioni ibride plug-in della Mini Countryman nel 2017 e ha reso questa variante la Mini più scelta già nel 2018. Insieme alla Mini elettrica a 3 porte del team dello scorso anno, le varianti elettrificate rappresentavano il 92,8% del vendite totali di Mini in Norvegia l’anno scorso.

NOVITÀ QUEST’ANNO
La Fiat 500 EV non è solo nuova di zecca quest’anno, ma è costruita su una nuova piattaforma, esiste solo come auto elettrica e nient’altro, ed è una vera figlia di Torino. In caso di dubbio, guarda la parte inferiore delle maniglie delle porte, dove la Fiat 500 originale è incisa nella plastica con “Made in Torino”, e solo per essere sicuro, gridata in maiuscolo.

La Fiat 500 EV è stata mandata dal cielo a un’organizzazione Fiat su un letto di fuliggine in Norvegia. Con l’obiettivo di vendere più di 2.000 auto quest’anno, Fiat tornerà ad essere un marchio visibile sulle strade norvegesi. Le elevate importazioni dagli Stati Uniti di varianti elettriche di fabbricazione messicana (la generazione precedente con autonomia ridotta e nessuna opzione di ricarica rapida su un numero di 1.586 auto distribuite in quattro anni) mostrano che la Fiat 500 è tutt’altro che morta nella coscienza delle persone .

(il caso continua)

CARO
La Fiat 500 e la Mini EV si trovano all’estremità più costosa della piccola scala delle auto elettriche, mentre la Seat Mii e la Skoda Citygo E si trovano all’altra estremità e, con le loro cinque porte, coprono i compiti pratici così come la Fiat e la Mini . Semplicemente non hanno lo stesso fascino emotivo, e l’unico che segue l’inglese e l’italiano fino alla porta quando l’emozione è l’argomento principale della lista della spesa, è la Honda E.

Allo stesso tempo, Mini e Fiat sono due auto molto diverse. Anche la Fiat 500 è solidamente incuneata ed esce velocemente dai semafori con i suoi 118 CV. Sarà ancora lenta accanto alla Mini, che con un propulsore importato e 184 CV dalla BMW i3 è una degna GT in termini di accelerazione.

AUTO EGO
Mini trasuda sportività e rappresenta l’auto dell’ego di entrambi. Dopo che apri la portiera e vedi il logo Mini illuminarsi ai tuoi piedi, vesti l’auto, non c’è quasi spazio per nessuno sul sedile posteriore, un modo piuttosto contorto per salire sul sedile e ancora più difficile per uscire. La maniglia per l’inclinazione in avanti dei sedili anteriori potrebbe vantaggiosamente essere posizionata più in alto sullo schienale, come avviene sulla Fiat. Ma davanti, ti siedi incollato al sedile, con un cuscino del sedile estensibile nell’Experience Edition.

Anche lo sterzo è più affilato per accentuare la sportività, ma per l’uso quotidiano sarebbe stato preferibile un maggiore comfort. Questo vale anche per la Fiat 500, che avrebbe dovuto anche essere tesa verso un maggiore comfort.

DIVERSO
La seconda più grande differenza dopo le prestazioni è l’esperienza di salire in macchina. La Fiat è chiara e chiara, la Mini scura e angusta. Ma la Mini ha di gran lunga gli interni meglio costruiti, e dove la Fiat brilla di dettagli negli interni discreti e un po’ noiosi, si è ancora sopraffatti dal massimalismo della Mini, con pulsanti e interruttori come in un aereo di linea.

Sì, chi altri nel 2021 osa costruire auto con interruttori a bilanciere cromati sul tetto e un pulsante giallo che presto sarà molto basso a terra? Inutile dire che non è tutto così pratico, ma complimenti per la particolarità che continua attraverso gli specchietti retrovisori esterni gialli dell’auto bicolore, fino alle luci posteriori, dove elementi Union Jack brillano verso il guidatore dietro.

A TESTA ALTA
Il Mini pack viene fornito con un display head-up, ma solo sotto forma di un disco di plastica tra il vetro e il volante. e mostra molte meno informazioni rispetto agli schermi della BMW, quindi ho i miei dubbi sullo scopo di questo, poiché lo schermo della strumentazione contiene molte più informazioni ed è allo stesso tempo attaccato al piantone dello sterzo e quindi segue il volante quando è inclinato.

Ma perché deve essere così rumoroso nella Mini? Ruote posteriori. Su questo punto vince la Fiat, e il mio amico con esperienza della Countryman 2020 segnala meno rumore in questa variante.

LEGGI DI PIÙ:

AVVERTIMENTO!
I prezzi per la prova erano validi al momento della produzione della rivista. Troverai sempre i prezzi aggiornati in il nostro nuovo database di auto.

Ulisse Bellucci

Evil travel geek. Pensatore. Risolutore di problemi pluripremiato. Amante della pancetta. Lettore appassionato. Esperto televisivo devoto. Imprenditore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

desi girl rape mms publicporntrends.com india x videos
سكس مترجم مرات الاب pornblogplus.com انجي خوري عارية
indiasexcom pakistanipornmovie.com xnxx heroins
سكس صنين eroplaytube.com سكس افلام مترجمه
نيك طيز مصرى homeofpornstars.com اليسون تايلر
indian xnxx sex com teenextube.mobi fistnightsex
load house hentai hentaitgp.com breath of the wild zelda hentai
شيملات strikeporno.com سكس مولم
www x vedieos com kamtube.mobi bf images
mamta kulkarni porn xpornvideo.mobi wwwf
oriya xxxx liebelib.mobi sara khan hot
نجمة السكس arabicpornvideo.com نزول اللبن من الكس
سكس عبوديه video6tubes.com سكس ماساج
bf hindi video film dadyporn.mobi xxx sex hot
hc clips com zatube.mobi indian couple porn